Regnum Naturae - forum
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi clic o accedi per continuare.
Regnum Naturae - forum

Un amichevole punto di incontro e condivisione per tutti gli amanti di orchidee, tillandsie, piante carnivore e di tutto ciò che sà offrire il meraviglioso regno vegetale...
 
IndiceIndice  CercaCerca  RegistratiRegistrati  Accedi  

 

 Sarracenia purpurea

Andare in basso 
AutoreMessaggio
Admin
Admin
Admin


Messaggi : 146
Data d'iscrizione : 28.01.13

Sarracenia purpurea Empty
MessaggioTitolo: Sarracenia purpurea   Sarracenia purpurea EmptyVen Feb 01, 2013 3:10 pm

Sarracenia purpurea


Regno: Plantae

Divisione: Magnoliophyta

Classe: Magnoliopsida

Ordine: Nepenthales

Famiglia: Sarraceniaceae

Genere: Sarracenia

Specie: S. purpurea


Descrizione:

La Sarracenia purpurea (anche conosciuta come Purple Pitcher Plant) fù la prima specie di Sarracenia a venir introdotta in Europa, arrivando per la prima volta in Inghilterra nel 1640.

Caratterizzatata da una notevole diffusione e in natura è individuabile in zone umide lungo le coste orientali degli Stati Uniti, nella zona dei Grandi Laghi e nella parte orientale del Canada (dove viene addirittura rappresentata negli stemmi di alcune province canadesi).

Di Sarracenia pourpurea ne esistono 2 sottospecie:

- Sarracenia purpurea subsp. Purpurea

- Sarracenia purpurea subsp. Venosa

a loro volta ancora suddivise in svariate varietà.

Il nome della specie: ‘‘pupurea’’, contrariamente a quello che si potrebbe pensare è dovuto al colore purpureo assunto dai fiori una volta maturi.

La tecnica di ‘‘predazione’’ adottata dalla Sarracenia purpurea è tipica del suo genere: grazie alle sostanze scivolose presenti sulle pareti dell’ascidio e ad una fitta peluria orientata verso il basso, rendono impossibile per il malaugurato insetto che vi si introduca il fuoriuscirne. Una volta giunto sul fondo sopraggiungerà la morte per annegamento all’interno del liquido vischiso ivi presente: batteri presenti in loco e succhi digestivi prodotti dalla pianta provvederanno alla sua digestione.

Esposizione e luce:

La Sarracenia purpurea necessita di illuminazione intensa (possibilmente in pieno sole) con un fotoperiodo molto lungo; poiché in estate le elevate temperature possono portare la pianta a patire (specialmente a livello radicale), può essere opportuno porle in zona semi-ombreggiata quando le giornate siano particolarmente afose e le temperature eccessivamente elevate.

Temperatura:

Pur tollerando range di temperature molto ampi, sarebbe opportuno non farla stare in luoghi dove le temperature si avvicinino ai 36-38°C: come per molte piante un livello di umidità elevato dell’ambiente attorno alla pianta può comunque renderne possibile la coltivazione anche con temperature elevate. Viene considerata una delle Sarracenia più resistenti alle basse temperature, ma anche durante la brutta stagione e nella fase di riposo sarà buona cosa non farla mai arrivare vicino allo 0°C. In queste fasi, sarebbe opportuno lasciarla a svernare con temperature prossime a 3-10°C.

Umidità:

Garantita grazie all’impiego di sottovaso pieno d'acqua (circa 2-3cm) al di sotto del vaso; l’acqua impiegata deve essere a bassissimo contenuto di minerali: ottime quindi acque distillate, provenienti da osmosi, piovana e così via…

Collocamento e substrato:

Allevata in vaso (a meno che non si abbiano condizioni tali da consentirne l’allevamento in piena “terra”) , la Sarracenia purpurea necessita di spazio e profondità: ha un apparato radicale ampio e con gli ascidi (bocche), sarà in grado di occupare con il tempo tutto lo spazio che riuscirà a trovare.

Non gradendo rinvasi frequenti (come tutte le carnivore), è preferibile optare fin da subito per un vaso capiente e sufficientemente profondo: in modo che l’acqua, sempre presente nel sottovaso e necessaria a mantenere nel substrato la giusta umidità non arrivi così in alto da poter portare all’insorgere di marciumi.

Noi personalmente utilizziamo come substrato un miscuglio composto da 60 % di torba, 20% di sabbia mista e 20% di perlite.

Bagnatura:

Come buona parte delle carnivore la Sarracenia purpurea mal sopporta i sali minerali disciolti nell’acqua e sarà quindi opportuno utilizzare acqua a bassissimo contenuto di minerali (ed in particolar modo di calcare): ottime quindi l’acqua distillata, demineralizzata, piovana, proveniente da osmosi inversa o da qualsivoglia procedimento che la privi dei minerali in essa contenuti.

Deve sempre avere una buona riserva d’acqua nel sottovaso, altrimenti inizierà a patire e disseccare; si consiglia di lasciarne alcuni centimetri, rinnovandola non appena l’abbia consumata; verificare sempre che l’acqua sia pulita e fresca, senza lasciare che diventi putrida e inizi a generare alghe e insetti. Il livello dell’acqua nel sottovaso non deve mai superare 1/4 - 1/5 dell’altezza del vaso per non soffocare le radici.

La Sarracenia purpurea non patisce e anzi apprezza le piogge dirette; non risulterà quindi necessario ripararla dalla pioggia, quando si trova all’aperto.

Riposo:

Necessita di alcuni mesi all’anno di riposo, da trascorrere in un luogo fresco e luminoso ad una temperatura prossima a 3-10°C e con il substrato sempre umido ma non bagnato. Durante questo periodo non andrà quindi lasciata acqua nel sottovaso ma bisognerà provvedere a bagnare la pianta da sopra per mantenere il substrato umido.

Nutrimento:

Tenuta all’aperto, la Sarracenia purpurea può procurarsi il cibo da sola. Se controllando, notate però che gli ascidi sono vuoti, occorrerà somministrare il nutrimento manualmente; in questo caso suggeriamo l’utilizzo di larve di Chironomus (venduti surgelati in qualunque negozio dedicato agli acquari o in un negozio per animali ben fornito). Si somministrano 6-10 larve per ascidio ogni 10-12 giorni; prima di somministrarle bisognerà farle sgelare e portarle a temperatura ambiente.

Fioritura:

Fiorisce in genere nel corso dei mesi primaverili, al momento della ripresa vegetativa, producendo stupendi ed elaborati fiori di coloro porpora intenso (con diverse tonalità di colore possibili).

Livello di difficoltà:

La Sarracenia purpurea viene considerata una specie di facile coltivazione.



--REGNUM NATURAE

2 / 09 / 2012

Tutto il materiale letterario contenuto all’interno del sito www.regnumnaturae.it è proprietà intellettuale di questo portale. L'utilizzo del suddetto materiale al di fuori del sito è libero e gratuito, purchè si segnali sempre in calce, il sito www.regnumnaturae.it come la fonte delle informazioni.
Torna in alto Andare in basso
http://regnumnaturae.it
 
Sarracenia purpurea
Torna in alto 
Pagina 1 di 1

Permessi in questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.
Regnum Naturae - forum :: Sezioni forum :: PIANTE CARNIVORE :: Schede colturali carnivore-
Vai verso: